Un team (o un gruppo), può essere considerato come un essere vivente che ha un ciclo di vita composto da diverse fasi, ogni fase presenta delle sfide critiche che bisogna affrontare, possiamo distinguere in particolare cinque fasi che si contraddistinguono per comportamento e coesione tra i membri.

In termini tecnici, dagli studiosi di organizzazione le fasi vengono denominate:

– Fase 1. Forming
– Fase 2. Storming
– Fase 3. Norming
– Fase 4. Performing
– Fase 5. Adjourning

A noi occorre semplicemente distinguerle per capire come avviare un team e gestirlo con consapevolezza

Fase 1.
In questa fase il team è nella sua fase embrionale e può essere considerato tale solo sulla carta poiché i membri tendono a comportarsi come singoli individui, cercando informazioni relative agli altri membri per avere una maggiore conoscenza dell’ambiente in cui si trovano a operare. I membri solitamente cercano di creare una buona impressione di se, concentrandosi sulla loro individualità.

Fase 2.
In questa fase la differenza tra i membri comincia ad emergere, soprattutto nella modalità di raggiungimento degli obiettivi. Le diverse idee su come risolvere i problemi e arrivare all’obiettivo entrano in competizione e i membri si confrontano apertamente. Questa fase è particolarmente faticosa e delicata per i membri del team, ma necessaria per l’evoluzione dello stesso. Infatti, è attraverso il confronto che possono essere messe a fattor comune le idee e le competenze. Questa fase però può diventare distruttiva se i membri del team trasformano un conflitto sul compito in conflitto relazionale (basato sulla diversità dei membri anziché sull’oggetto della discussione).

Fase 3.
Se il team è riuscito a mantenere un conflitto ad un livello adeguato e fondato sul compito, è pronto ad affrontare una nuova fase. Generalmente in questa fase, si prevede di risolvere problemi specifici attraverso discussioni “controllate” e positive. Inoltre in questa fase, i membri del team iniziano a sviluppare spirito di squadra e coesione.

Fase 4.
In questa fase, i membri del team, lavorano come una vera e propria squadra per arrivare all’obiettivo e promuovere l’attività del team all’esterno. In questa fase, la performance della squadra aumenta vertiginosamente e il team è in grado di chiudere il progetto con un particolare focus sugli obiettivi.

Fase 5.
In quest’ultima fase il gruppo si scioglie. Prima dello scioglimento, è opportuno che il gruppo focalizzi la propria attenzione sui propri punti di forza e sulle difficoltà riscontrate, in modo che gli individui possano trarne spunto per successivi incarichi con lo stesso team o con team differenti.

La conoscenza di queste fasi è fondamentale in aziende già strutturate o nella costituzione di start up.