Negli articoli precedenti abbiamo mappato tutti gli incentivi per assumere giovani talenti.

 

Questi non bastano per organizzare una “rigenerazione aziendale” infatti per ottimizzare costo del lavoro e flessibilità azienda i direttori del personale hanno la possibilità di accompagnare i collaboratori più anziani alla pensione, grazie all’ esodo aziendale introdotto dalla riforma Fornero del lavoro (legge n.92/2012), detta anche isopensione.

L’isopensione è una facoltà offerta alle aziende con più di 15 dipendenti di prepensionare i dipendenti più vicini alla pensione (quelli che maturano i relativi requisiti entro sette anni), la misura è praticabile nelle ipotesi di esubero di personale (in tabella i tre casi) e, in cambio del licenziamento dei dipendenti in esubero, il datore di lavoro si accolla il costo di mantenimento (retribuzioni e contributi) dei lavoratori fino al giorno della pensione.

 

 

 

 

E’ facile intuire che si tratta di un’opportunità il cui costo è molto alto: oltre alla spesa della “pre-pensione”, infatti, sul datore di lavoro grava anche l’onere di rifondere all’INPS gli oneri contributivi.

Ai fini pratici nei casi di eccedenza di personale, i datori di lavoro e i sindacati dei lavoratori maggiormente rappresentativi a livello aziendale possono stipulare un accordo aziendale finalizzato a incentivare l’esodo dei lavoratori più prossimi alla pensione, ossia quelli che raggiungono il diritto alla pensione, di vecchiaia o anticipata nei sette anni successivi alla data di cessazione del rapporto lavorativo.

Con questo accordo, il datore di lavoro s’impegna a corrispondere all’INPS la provvista finanziaria necessaria per l’erogazione ai lavoratori ”esodati” di una prestazione d’importo pari alla pensione cui avrebbero diritto (i medesimi lavoratori) al momento della risoluzione del rapporto di lavoro e per l’accredito della contribuzione fino al raggiungimento dei requisiti minimi per la pensione.

I lavoratori intertessati sono colore che, in un arco di tempo di sette anni, maturano il diritto a conseguire la pensione, tenendo conto degli incrementi alla speranza di vita.

 

Hai bisogno di più informazioni?

Visita la nostra pagina Preventivi HR e scegli il servizio “Consulenza HR”, descrivi la tua esigenza e sarai contattato da un nostro partner.