I più giovani certo non ricordano il boom della schiscetta, il portavivande che accompagnava lavoratori e studenti rispettivamente sul luogo di lavoro e a scuola.

L’Italia può partire dalla schiscetta per tornare in ufficio. Certo che non fa male abituarsi a lavorare da casa in modalità smartworking ma per i nostalgici ritornare a vedersi in ufficio non è certo un dispiacere.

A Milano e in Lombardia “la schiscetta” è considerata un’icona del boom economico a tal punto che il modello “La 2000” è esposta permanentemente al museo del design della Triennale presso la Villa Reale di Monza, è stata celebrata da Assolombarda nel Gennaio 2018 ed il brevetto originale è stato esposto a Roma presso l’Ara Pacis.

L’abitudine di portare in ufficio o nel luogo di lavoro, il pranzo preparato a casa è tornata di moda negli ultimi tempi per varie ragioni:

Il risparmio: le aziende che non danno carnet dei “buoni pasto” da scontare o sono prive di mense aziendali inducono il dipendente a spendere una media di 5 o 6 € al giorno per mangiare. Portarsi il cibo da casa abbatte sicuramente i costi;

La salute: mangiare regolarmente fuori casa in ristoranti, pizzerie o mense non è salutare per via dei sali, i grassi e i conservanti impiegati per mantenere il cibo preparato in grandi quantità; il cibo preparato a casa la sera prima o la mattina stessa subisce minori trasformazioni, lo si prepara a proprio gusto ed è più salutare oltre ché necessario per chi deve seguire un determinato regime alimentare;

La praticità: portare il cibo in comode vaschette portavivande è pratico, facili da pulire e inoltre si riducono i tempi della pausa pranzo, a tutto vantaggio del datore di lavoro.

Da uno studio Doxa emerge che 6 italiani su 10 mangiano fuori casa. In particolare il 24% sceglie di restare sul luogo di lavoro (ufficio o magazzino), il 20% trascorre la pausa pranzo nella mensa aziendale mentre solo il 14% si reca al bar o alla tavola calda.

Il parco è un’utopia visto che solo l’1% utilizza la pausa pranzo all’aria aperta. 

È la ‘schiscetta’ a trionfare per chi mangia direttamente nel luogo di lavoro, ufficio o magazzino che sia: è la preferita dall’85% degli italiani. Di questi, la maggior parte (66%) consuma gli alimenti portati da casa e ingeriti freddi, cosi come sono, mentre il 19% riscalda il tutto nel cucinotto aziendale. 

Purtroppo però la tendenza a mangiare seduti al PC durante la pausa.

Eppure i medici nutrizionisti sottolineano che bisognerebbe dedicare il giusto tempo anche ai pasti frugali e di prevedere sempre un po’ di movimento nella pausa pranzo. Bisognerebbe evitare di consumare il pranzo al tavolo di lavoro, leggendo documenti o davanti al computer e se possibile sarebbe bene fare una passeggiata o almeno usare il rito del pranzo per una conversazione amichevole con i colleghi per ridurre lo stress e la tensione accumulata durante le ore frenetiche della mattina.

Esistono diversi tipi di “schiscette”, in plastica o metallo, termiche per mantenere i cibi caldi o freddi a  seconda delle esigenze. 

Abbiamo selezionato in rete per voi le schiscette più belle:

PuTwo Scatola Pranzo, 2 Contenitore Separato Lunch Box, Microonde Cassaforte Bento Box con Posate e Banda - Nero

PuTwo Scatola Pranzo, 2 Contenitore Separato Lunch Box, Microonde Cassaforte Bento Box con Posate e Banda – Nero

 

SPICE Amarillo Bio Duo Scaldavivande Bento Box schiscetta Portatile portavivande Termico Materiale Ecologico Naturale BPA Free capacità 1,2 Litri

SPICE Amarillo Bio Duo Scaldavivande Bento Box schiscetta Portatile portavivande Termico Materiale Ecologico Naturale BPA Free capacità 1,2 Litri

Per i nostalgici e gli amanti del genere vintage abbiamo selezionato:

 

LS Kitchen - Contenitore Termico per il Pranzo - Borsa Termica per Alimenti - Acciaio Inox - 2 Piatti - 18 cm - Argento

LS Kitchen – Contenitore Termico per il Pranzo – Borsa Termica per Alimenti – Acciaio Inox – 2 Piatti – 18 cm – Argento

Girando per l’Italia l’utilizzo certo non cambia ma varia a seconda della regione il termine dialettale e amichevole con cui è chiamata.

In Piemonte il portavivande diventa il barachin. In Sicilia si usa camella o il diminutivo camillinu, che sarebbe la versione locale di gamella, una versione alternativa di gavetta, mentre in altre regioni c’è chi usa alcune parole dialettali che propriamente significherebbero “pentola”, caccavella in Campania, tecietta in Veneto.

Il virus si fermerà come tutte le influenze che si alternano negli anni e a quel punto prenderemo la nuova schiscetta per mostrarla ai nostri colleghi.